Il Banchetto di Nozze

Pubblicato da  //  RICEVIMENTO, Il Banchetto

Finalmente marito e moglie, gli sposi possono rilassarsi durante il banchetto di nozze e condividere con amici e parenti momenti indimenticabili. Per essere spensierati e lasciare che altri finalmente pensino a tutto, compreso l’impegno di servirvi come principi, organizzate ogni cosa con cura. Per la buona riuscita di un banchetto di nozze seguite i nostri consigli:

– la location del ricevimento: quando scegliete la location, calcolate bene gli spazi. Se gli invitati sono numerosi ci deve essere lo spazio sufficiente perchè si possano muovere liberamente, viceversa, se sono pochi, lo spazio deve essere tale da evitare l’effetto dispersivo;

-disposizione dei tavoli: la disposizione dei tavoli sarà diversa a seconda del numero degli invitati. Se il numero di invitati è esiguo, i tavoli possono essere collocati in modo da creare un’unica struttura che può essere “a ferro di cavallo” oppure a forma di “E”. Se gli invitati sono numerosi, verranno fatti sedere in tavoli da sei o da otto posti, disposti difronte al tavolo d’onore dove saranno seduti gli sposi. Qualsiasi sia la disposizione dei tavoli accertatevi che tutti gli ospiti riescano a  vedere il tavolo degli sposi;

-la collocazione dei posti: per quel che riguarda la collocazione dei posti, anche se la tradizione vorrebbe una disposizione precisa di parenti e invitati, il nostro consiglio è quello di collocare i posti in modo che tutti si sentano a proprio agio. Per cui, al tavolo d’onore siedono gli sposi, ai lati degli sposi siedono i rispettivi genitori, e a seguire l’officiante della cerimonia, i nonni, e gli zii. Per gli altri invitati  bisognerà avere l’accortezza di far sedere vicino persone che si conoscono o, eventualmente, se si incontrano per la prima volta, che abbiano interessi in comune. Ricordatevi di non mettere nello stesso tavolo persone che abbiano avuto screzi;

-segnalare il posto: gli invitati devono poter trovare facilmente i propri posti, per cui ogni posto a tavola deve essere segnalato. Per riuscire in questo potete scegliere tra diverse soluzioni. I segnaposto possono essere dei semplici bigliettini su cui scrivere a mano il nome dell’invitato oppure delle candeline, con scritto sopra il nome dell’ospite, da accendere durante il ricevimento. Un’idea originale è quella dei confetti personalizzati con scritti sopra i due nomi degli sposi legati ad un cartoncino dove va scritto il nome dell’invitato. In alternativa ai classici segnaposto potete preparare dei biglietti contenuti in una busta, su cui scrivere l’indicazione precisa del posto assegnato, da consegnare ad ogni invitato. Molto utilizzato il “tableau mariage” da collocare all’entrata in sala, un cartellone  in cui rappresentare la disposizione dei tavoli e dei vari posti assegnati. Potete  personalizzare il tableau scegliendo di chiamare i tavoli con i nomi di fiori o di film se siete appassionati di cinema e così via;

 -il servizio: il servizio deve essere all’insegna della professionalità e della cortesia. I piatti devono essere serviti contemporaneamente a tutti gli invitati, sarebbe di cattivo gusto lasciare aspettare alcuni invitati mentre altri mangiano;

-le portate: i piatti devono essere buoni e di ottima qualità ma  non bisogna trascurare il modo con cui vengono realizzati e serviti. Oltre al gusto bisogna appagare anche la vista per cui i piatti devono risultare raffinati;

-il tempo: è importante calcolare bene i tempi per non costringere gli invitati ad   inutili attese.  Gli sposi devono arrivare alla location in sincronia con l’inizio dell’aperitivo.  Decidete con il maitre quanto tempo deve passare tra una portata e un’altra, evitate attese troppo lunghe, altrimenti il banchetto diventa interminabile ma evitate, anche, il susseguirsi rapido delle portate, per dare il tempo agli invitati di assaporare le pietanze con calma. Dato che il banchetto dura molto, stabilite degli intervalli tra le portate che permettano agli invitati di alzarsi per sgranchirsi un po’;

-la musica: per non avere invitati annoiati bisogna preparare un “piano” musicale. Il nostro consiglio è quello di alternare musica soft e musica più vivace. In particolare, mentre gli invitati mangiano va messo un sottofondo musicale alternando i due tipi di musica. Durante le pause il volume della la musica può essere alzato. Per chi lo desidera, si può anche scegliere di ballare durante gli intervalli tra le portate.

Commenta anche tu questo articolo

Clicca su "Mi piace" e seguici anche sulla nostra pagina facebook.