La Cerimonia Civile romantica ed emozionante

Pubblicato da  //  CERIMONIA, Il Rito Civile

Il rito civile celebrato in comune prevede delle fasi tecniche che si esauriscono nel giro di una mezz’oretta. Ma chi si sposa con questo rito non vuole rinunciare alla solennità e al romanticismo del matrimonio. Per riuscire in questo,  ci sono a disposizione degli sposi varie alternative che possono permettergli di realizzare il matrimonio dei loro sogni indipendentemente dal fatto che sia celebrato con rito civile. Sicuramente il punto cruciale sta nella scelta del luogo della celebrazione che, in caso di rito civile, non lascia molte possibilità. Infatti, il matrimonio civile deve essere celebrato nella casa comunale o in un luogo eletto a casa comunale. Se il Comune si trova in un palazzo antico con un’architettura importante, gli sposi possono anche scegliere di celebrare lì il loro matrimonio dal momento che si tratta di una location esclusiva. Ma se, come spesso accade, il Municipio si trova in un una struttura non importante, le possibilità che si possono prospettare agi sposi possono essere due:

  1. cercare una struttura esclusiva che sia stata eletta casa comunale, come per esempio un palazzo storico, una villa ecc..
  2. sbrigare le formalità legali in comune con la sola presenza dei testimoni e fare la cerimonia con tutti gli invitati nel luogo scelto

In realtà la seconda possibilità non è molto accettata dai futuri sposi che vedono sminuita l’importanza del giorno del matrimonio.

A questo punto non possiamo che aiutarvi a personalizzare la cerimonia civile indipendentemente dal luogo dove verrà celebrata. Infatti, creando la giusta atmosfera anche quella che può sembrare una semplice sala comunale può diventare il luogo ideale per la celebrazione delle nozze.

 

Come personalizzare le fasi del rito civile

Mentre nella cerimonia religiosa è il prete a dettare i ritmi e le modalità di esecuzione del rito, nella cerimonia civile tutto questo è deciso dall’Ufficiale di Stato Civile che può essere rappresentato dal sindaco, da un assessore ecc.. Per quanto detto, il nostro consiglio è quello di avere un’udienza con l’officiante per capire se è disposto ad effettuare una cerimonia meno tecnica e più intima. Se non incontrate la sua disponibilità potete recarvi in un altro comune nella speranza di trovare qualcuno più comprensivo. Quando vi recate dall’officiante dovete fargli comprendere qual è la vostra idea di rito civile, per questo è meglio se preparate uno schema con le varie fasi che desiderate per il vostro matrimonio, il tipo di addobbi che volete realizzare nella sala, se ci sarà la musica e quant’altro desideriate. Un aspetto che non dovete tralasciare è quello dei tempi, in quanto di solito la cerimonia in Municipio è molto sbrigativa. Per cui, se voi desiderate una cerimonia più lunga, dovete comunicarlo all’officiante per capire se è d’accordo ed eventualmente dovete essere voi a introdurre delle fasi che allunghino i tempi.

Per quel che concerne l’entrata in Municipio di invitati e sposi, può essere uguale a quella che si esegue per la cerimonia religiosa. Anche in questo caso non devono mancare i paggetti e le damigelle. Entrambi accompagneranno la sposa nel suo ingresso in sala spargendo dei petali, se consentito. Inoltre, i paggetti avranno il compito di intervenire al momento dello scambio degli anelli per portare il cuscinetto con le fedi. Oltre ai paggetti e alle damigelle, anche i testimoni avranno il compito di aiutarvi a rendere la cerimonia più emozionante con la lettura di  una o più poesie d’amore. Per esempio una lettura per aprire il rito e un’altra appena prima della promessa di matrimonio. Per  dare alla cerimonia un tocco di romanticismo potete inserire, tra le varie fasi, il momento della promessa di matrimonio. Lo sposo e la sposa scriveranno rispettivamente la  propria promessa da leggere per la prima volta il giorno stesso delle nozze. La promessa  è una dichiarazione pubblica di amore verso il proprio compagno e dei motivi che hanno portato alla decisione di sposarsi e dell’impegno di prendersi cura l’uno dell’altro. I momenti più importanti possono essere accompagnati da brani musicali eseguiti da strumenti melodiosi come il violino o il flauto. La marcia nuziale non è prerogativa soltanto della cerimonia religiosa per cui, se gli sposi lo desiderano, la marcia di Wagner potrà accompagnare l’ingresso degli sposi  e la marcia di Mendelssohn l’uscita della coppia finalmente marito e moglie. Per la scelta degli altri brani basta seguire i propri gusti, per esempio potete far suonare i brani che hanno fatto da colonna sonora alla vostra storia d’amore. Eventualmente oltre alla musica per il sottofondo potete stabilire tra le varie fasi, uno o due momenti in cui far eseguire una canzone da un soprano.

Non devono mancare le decorazioni floreali che serviranno per creare un’atmosfera romantica.Per riuscire in questo, fatevi aiutare dal fiorista recandovi con lui nel luogo dove verrà celebrato il matrimonio per decidere in che modo intervenire per creare un ambiente intimo. Dato che gli invitati saranno seduti su sedie e non su banchi, potete decorarle con delle piccole composizioni di fiori e nastri di raso o di tulle.  Il corridoio che separa le sedie deve essere abbellito come per la navata di una chiesa perchè da lì passeranno gli sposi. Per cui va messo un tappeto rosso o blu, e ai lati le composizioni di fiori per creare un corridoio fiorito. Anche il  tavolo dell’officiante deve essere abbellito con fiori.

Commenta anche tu questo articolo

Clicca su "Mi piace" e seguici anche sulla nostra pagina facebook.